Problemi intestinaliGonfiore dell’addome: come gestire il disturbo?
Gonfiore dell'addome

Gonfiore dell’addome: come gestire il disturbo?

Il gonfiore dell’addome è una sgradevole sensazione di tensione circoscritta alla parte superiore o inferire dell’ombelico, spesso accompagnata da disturbi intestinali

Il gonfiore addominale è in genere il sintomo di un accumulo di gas nello stomaco o nell’intestino, e può essere associato a dolori addominali, anche intensi.

Cosa può causare un eccesso di gas addominale?

Questo disturbo può essere riconducibile a diverse cause, come ad esempio l’assunzione di alcuni cibi, di bevande gassate, la cattiva abitudine di mangiare troppo in fretta, condizioni di stress o ansia. Spesso, però, il gonfiore dell’addome può essere imputabile ad alcune patologie specifiche.

Vediamo insieme alcune tra le principali cause di gonfiore addominale:

  • Aerofagia. Si tratta dell’ingestione di aria. Quando la sensazione di pienezza si manifesta dopo i pasti, è probabile che si tenda a ingerire troppa aria (aerofagia) proprio mentre si pranza o si cena. Questa condizione insorge spesso quando mangiamo e mastichiamo velocemente, spesso preferendo le bibite gassate all’acqua naturale.

 

  • Assunzione di alcuni alimenti e bevande. Bere bibite gassate può favorire la formazione di gas intestinali. Anche gli zuccheri presenti in dolci e alimenti particolarmente elaborati possono fermentare a livello intestinale, causando gonfiore.

 

  • Intolleranze alimentari. In caso di intolleranza al lattosio o al glutine, ad esempio, è spesso presente un notevole e frequente gonfiore addominale che si associa solitamente ad altri sintomi, quali nausea, crampi, cefalea, stanchezza diffusa, stipsi o diarrea.

 

Alcune malattie specifiche possono causare gonfiori a livello intestinale. Ad esempio:

 

  • Appendicite;
  • Problemi a carico della cistifellea e del fegato;
  • Gastroenterite,
  • Sindrome dell’intestino irritabile,
  • Occlusioni intestinali,
  • Ulcere gastriche o duodenali.

Come ridurre i problemi di gonfiore dell’addome?

Ecco alcune, semplici regole per minimizzare l’accumulo di gas intestinali e ridurre il disagio:

  • Assumiamo probiotici. Per alleggerire la sensazione di tensione addominale e riequilibrare la flora batterica intestinale è utile assumere probiotici. Si tratta di batteri vivi e vitali, ad azione benefica, in grado di ripristinare la microflora locale alterata e rafforzare la barriera intestinale contro agenti patogeni.

 

  • Beviamo acqua. Un apporto idrico di almeno 1, 5 litri di acqua al giorno contribuirà ad ammorbidire le feci, favorendone l’espulsione.

 

  • Beviamo una tisana al finocchio. Il finocchio contribuisce a ridurre meteorismo, flatulenza e gas intestinali.

 

  • Beviamo un centrifugato di ananas e zenzero. Ananas e zenzero eserciteranno un’azione antinfiammatoria e carminativa (eliminano cioè i gas intestinali).

 

  • Consumiamo piccoli pasti. Saltare i pasti favorirà l’accumulo di aria nell’intestino. Mangiamo poco e spesso, masticando lentamente per favorire le funzioni digestive.

 

  • Svolgiamo esercizio fisico. Praticare una regolare e moderata attività fisica contribuirà a facilitare il transito intestinale, agevolando l’evacuazione.

Questo contenuto è stato utile?

Con una sola risposta puoi aiutarci a migliorare la nostra attività informativa.
Il tuo riscontro resterà privato

No

Se vuoi, aggiungi qualche dettaglio: ogni indicazione è preziosa.
Ricorda che questo non è un modulo di contatto.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER YOVIS INTEGRATORI

Rimani aggiornato, ricevi direttamente sulla tua mail consigli e curiosità riguardo le problematiche intestinali.

Yovis granulato per sospensione orale è un farmaco. Leggere attentamente il foglio illustrativo. Aut.Min. 20/01/2020

Alfasigma S.p.A. P.IVA 03432221202