Problemi intestinaliCombattiamo il malassorbimento: sintomi e cause di questo problema
Malassorbimento sintomi e cause

Combattiamo il malassorbimento: sintomi e cause di questo problema

Abbiamo mai sentito parlare di malassorbimento? Sintomi e cause sono vari e complessi. Vediamo dunque insieme di cosa si tratta e come far fronte a questa condizione.

L’espressione malassorbimento coinvolge l’intestino e raccoglie diverse condizioni, che hanno in comune l’insufficiente assorbimento di nutrienti come grassi, zuccheri, elettroliti (importanti minerali) e proteine.

Nel colon arrivano quantità importanti di zuccheri e amidi mal digeriti, non assorbiti o non trasportati lungo i vasi linfatici, quindi fermentati dalla microflora locale, con una sensibile produzione di sostanze volatili.

Scopri con Yovis come prenderti cura della tua flora intestinale
Fai il test e scarica i consigli dedicati a te
FAI IL TEST

Quali sono i sintomi del malassorbimento?

Il malassorbimento può distinguersi in:

  • Malassorbimento generalizzato se coinvolge le tre principali classi di nutrienti, e cioè proteine, zuccheri e grassi, e può causare diarrea e presenza di grassi nelle feci.
  • Malassorbimento selettivo, se riguarda una singola classe di nutrienti.
  • Malassorbimento totale, se riguarda tutto l’intestino tenue.
  • Malassorbimento parziale, se riguarda solo un tratto dell’intestino e non c’è diarrea.

Altri sintomi di malassorbimento sono:

Quali sono le cause del malassorbimento?

Le cause del malassorbimento sono varie e complesse. Per capire in maniera più intuitiva di cosa stiamo parlando, possiamo fare due esempi di intolleranze alimentari.

INTOLLERANZA AL LATTOSIO. Un tipico esempio di malassorbimento è quello determinato da un deficit dell’enzima lattasi, la cui carenza impedisce l’assorbimento del lattosio, lo zucchero presente naturalmente nel latte. L’intolleranza al lattosio è piuttosto diffusa tra molti di noi e può essere risolta scegliendo latte e latticini privi di lattosio.

CELIACHIA. Un altro esempio di malassorbimento è la celiachia. In questa situazione infatti non solo il glutine non viene assorbito, ma si crea una reazione immunitaria che appiattisce i villi intestinali, gli organi deputati all’assorbimento del glutine. Alla celiachia non c’è cura, se non quella di evitare gli alimenti contenenti glutine.

Altre cause che possono condurre a malassorbimento sono:

  • Sindrome da intestino irritabile;
  • Malattie infiammatorie intestinali, come ad esempio morbo di Crohn o colite ulcerosa;
  • Intolleranza ai carboidrati, che comporta un’incapacità di elaborare zuccheri e amidi;
  • Allergie alimentari di diverso tipo.

Come ovviare a una condizione di malassorbimento?

Come possiamo gestire sintomi e cause del malassorbimento? Ciò che possiamo fare è rivolgerci al nostro medico di fiducia il quale, dopo aver effettuato una diagnosi, ci indicherà la terapia migliore per la nostra situazione.

Contestualmente a una terapia medica mirata, potrebbe essere utile l’assunzione di fermenti lattici. Si tratta di batteri vivi e vitali, ad azione benefica, in grado di ripristinare e riequilibrare la microflora intestinale alterata.

    Questo contenuto è stato utile?

    Con una sola risposta puoi aiutarci a migliorare la nostra attività informativa.
    Il tuo riscontro resterà privato

    No

    Se vuoi, aggiungi qualche dettaglio: ogni indicazione è preziosa.
    Ricorda che questo non è un modulo di contatto.


    Caricamento articolo
    Prossimo articolo

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER YOVIS INTEGRATORI

    Rimani aggiornato, ricevi direttamente sulla tua mail consigli e curiosità riguardo le problematiche intestinali.

    Yovis granulato per sospensione orale è un farmaco. Leggere attentamente il foglio illustrativo. Aut.Min. 13/07/2021

    Alfasigma S.p.A. P.IVA 03432221202

    Scarica i consigli in pdf
    Diarrea Colite Enterite Gonfiore addominale Alito cattivo Feci maleodoranti