DISTURBI
Colite

Colite: si tratta solo di stress? Conosciamo meglio un disturbo diffuso

Quanti di noi accusano spesso attacchi di colite? Siamo soliti utilizzare questo termine per riferirci a dolori addominali, senza sapere con precisione quali siano le caratteristiche di un disturbo molto vario.

Con il termine colite o colite spastica si intende una generica infiammazione del colon, cioè il secondo tratto dell’intestino crasso. Tale infiammazione può insorgere a causa di infezioni batteriche, virus intestinali, parassitosi o trasformarsi in una colite cronica senza che all’origine vi sia una causa ben precisa (colite ulcerosa, morbo di Crohn). In linea generale, la colite si manifesta come sintomo di un’alterazione della flora batterica intestinale.


Quali sono i sintomi della colite?

Questo disturbo può causare una sgradevole e varia sintomatologia:

  • Dolori e crampi addominali;
  • Dolore a un fianco o alla schiena;
  • Bruciore retro sternale (ossia dietro al torace);
  • Gonfiore addominale;
  • Meteorismo e flatulenza;
  • Stipsi, diarrea, o un’alternanza tra le due;
  • Costipazione e senso di pienezza;
  • Tenesmo rettale (senso di evacuazione incompleta).

Quali sono le cause della colite?

Tra i fattori che possono comportare l’insorgenza di colite possiamo trovare:

  • Dieta (ipersensibilità o intolleranza a determinati alimenti, stile nutrizionale inadeguato, povero di acqua o di fibre);
  • Ciclo mestruale (l’intestino è piuttosto sensibile ai cambiamenti degli ormoni sessuali femminili);
  • Fattori di natura psicologica legati allo stress. In questo caso si parla di sindrome del colon irritabile o colite nervosa;
  • Alterazione della normale flora intestinale, con un aumento dei microrganismi patogeni. Ciò può dare luogo a una moltitudine di disturbi intestinali.

Quando l’equilibrio della flora batterica intestinale si altera, possiamo accusare una serie di sgradevoli disturbi.


Colite nervosa: sintomi e caratteristiche

Tra i tipi di colite, ne possiamo individuare uno che può colpire tutti noi. Infatti, il caratteristico attacco di colite ansiosa ci può cogliere se siamo costretti a fronteggiare uno stress intenso.

La colite da stress o sindrome del colon irritabile ha origini psicosomatiche: i fattori principiali riconosciuti come scatenanti sono forte stress e ansia. Infatti, il nostro intestino è anche chiamato “secondo cervello”, perché sistema nervoso centrale e sistema nervoso enterico, situato a livello intestinale, sono strettamente collegati.

Ma qual è la correlazione tra intestino e cervello? Esiste un legame molto stretto: nell’intestino si trova il sistema nervoso enterico, una rete nervosa molto complessa, composta da circa 500 milioni di neuroni che gestiscono le attività intestinali.

I neuroni dell’apparato gastrointestinale si coordinano per dare luogo alle contrazioni ritmiche che fanno funzionare l’intestino, come ad esempio i movimenti della muscolatura liscia intestinale. Quando siamo particolarmente stressati, ansiosi, preoccupati, i neuroni enterici “sentono” la nostra condizione e attivano una risposta a livello fisico.

Ecco spiegato il ruolo importantissimo che svolge il sistema nervoso enterico nella salute di ognuno di noi, ed ecco perché è molto importante tutelare la salute intestinale.

I sintomi della colite nervosa sono facilmente individuabili, specie se siamo avvezzi a questo problema. La colite di tipo ansioso si manifesta con queste caratteristiche:

  • Gonfiore addominale con meteorismo
  • Dolore addominale con crampi
  • Alitosi
  • Diarrea nervosa, alternata a stitichezza
  • Cefalea
  • Nausea
  • Digestione lenta

La durata della colite nervosa è molto variabile. Infatti, essendo associata a somatizzazione, potrebbe sparire risalendo al malessere di fondo che l’ha generata o durare tutta la vita con periodi acuti alternati a periodi senza sintomi evidenti. La sindrome del colon irritabile dipende principalmente da:

  • Nervosismo e ansia;
  • Scompensi emozionali
  • Situazioni reiterate di stress.

Come ridurre la colite spastica nervosa? Interveniamo sull’ansia

Come curare la colite nervosa? Possiamo cercare di alleggerire l’ansia, soprattutto nelle sue manifestazioni acute. Ecco due suggerimenti:

  • Tisane rilassanti a base di camomilla, passiflora, melissa o valeriana. Dato che la causa della colite nervosa è l’eccessiva sensibilità allo stress, una bella tisana rilassante, da sorseggiare lentamente, può essere un valido aiuto.
  • Attività fisica, yoga o meditazione: sfogare la tensione praticando attività fisica è un valido rimedio per allentare la tensione e liberare la mente da pensieri intrusivi. Anche rilassarsi con la meditazione e lo yoga aiuta a combattere il disturbo, permettendo al corpo di mantenere il proprio equilibrio.

Se abbiamo problemi di colite nervosa, cosa mangiare per non aggravare questa condizione? È importante evitare gli alimenti che possono peggiorare i sintomi, come ad esempio tè, caffè o altre bevande ad azione irritante ed eccitante.

In generale, è consigliabile mangiare a intervalli regolari ed evitare abbuffate o digiuni, masticare bene e non mangiare troppo in fretta. Quanto alle scelte alimentari, scopriamo subito quali alimenti evitare e quali prediligere.

Problemi di colite: cosa mangiare e da cosa tenersi alla larga?

Se abbiamo problemi di irritabilità dell’intestino dovremo evitare :

  • Alimenti dall’azione irritante. No a spezie piccanti, insaccati salati, fritture.
  • Alimenti dall’azione lassativa. Attenzione a cibi integrali e crusca. Evitiamo anche il caffè.
  • Alimenti e bevande che possono causare gonfiore, meteorismo e flatulenza. No a bibite gassate, caramelle e dolciumi confezionati e molto zuccherini.

Ecco cosa introdurre regolarmente nella nostra dieta:

  • Acqua almeno 1,5 litri al giorno.
  • Carne e pesce bolliti, al vapore o ai ferri.
  • Frutta e verdura in quantità di 2- 3 porzioni al giorno, a seconda della tollerabilità.
  • Yogurt con probiotici, per ripristinare l’equilibrio intestinale.

Quali rimedi per la colite possiamo individuare?

Abbiamo problemi di colite? Rimedi e pratiche quotidiane avranno lo scopo di allentare i sintomi fastidiosi e contribuire a ristabilire l’intestino alterato:

  • Seguire la giusta dieta. Come abbiamo visto, l’alimentazione è importante per riequilibrare il nostro intestino alterato. Evitare cibi ad azione irritante, prediligere alimenti leggeri, nutrienti e ad azione costipante e riequilibrante.
  • No alle abbuffate e ai lunghi periodi di digiuno. Cerchiamo di consumare regolarmente pasti sazianti e moderati, per assecondare il fisiologico transito intestinale.
  • Bere acqua. Idratarsi è fondamentale, sia per favorire l’espulsione delle feci, sia per reintegrare i liquidi persi con eventuali attacchi di colite diarroica.
  • Fare esercizio fisico. Una passeggiata di trenta minuti o il nostro sport preferito contribuiranno a favorire il transito intestinale, allentando anche stress e tensione.
  • Assumere fermenti lattici. Quali fermenti lattici scegliere per un colon irritabile? Lo scopo sarà contribuire a riequilibrare il nostro intestino alterato. Come abbiamo visto, infatti, dal fisiologico equilibrio della microflora dipende la salute intestinale, fondamentale per il benessere di tutto l’organismo. I fermenti lattici esercitano un’azione regolatrice della microflora intestinale, possono contrastare i microrganismi patogeni, rafforzare la barriera intestinale e agire sul  sistema immunitario.

Per una flora batterica in salute, diverse risposte a diverse esigenze.

INTEGRATORI ALIMENTARI

YOVIS FLACONCINI

Yovis Flaconcini è un integratore alimentare a base di fermenti lattici vivi concentrati.
La forza di miliardi di fermenti sempre pronti per te.

SCOPRI ORA YOVIS FLACONCINI

Vai al prodotto

YOVIS CAPS e YOVIS STICK

Yovis Caps e Yovis Stick sono integratori alimentari a base di fermenti lattici vivi concentrati.

SCOPRI ORA YOVIS CAPS E YOVIS STICK

Vai al prodotto

YOVIS BAMBINI

YOVIS BAMBINI è un integratore alimentare a base di fermenti lattici vivi, vitamine del gruppo B e altri componenti la cui efficacia e sicurezza è stata verificata in bambini dai 3 ai 14 anni.

SCOPRI ORA YOVIS BAMBINI

Vai al prodotto

PRODOTTO DI AUTOMEDICAZIONE

YOVIS

è indicato per il trattamento di:

  • Disturbi correlati ad alterazioni della flora batterica intestinale come diarrea, enteriti, coliti.
  • Alterazioni della flora batterica intestinale causate dal trattamento con un medicinale antibiotico

Yovis granulato per sospensione orale è un medicinale di automedicazione, che ha come principio attivo fermenti lattici vivi, leggere attentamente il foglio illustrativo.

SCOPRI ORA YOVIS GRANULATO

Vai al prodotto

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER YOVIS INTEGRATORI

Rimani aggiornato, ricevi direttamente sulla tua mail consigli e curiosità riguardo le problematiche intestinali.

Yovis granulato per sospensione orale è un farmaco. Leggere attentamente il foglio illustrativo. Aut.Min. 07/01/2021

Alfasigma S.p.A. P.IVA 03432221202